logo

ELOISA ATTI

ELOISA ATTI
chiudi Eloisa Atti

Figlia del poeta bolognese Luciano Atti, un'infanzia tra Piccolo Coro dell'Antoniano e conservatorio, Eloisa Atti ha alle spalle una formazione classica e jazzistica, esperienze live significative e durature come interprete e come compositrice con Caputolindo, Hammond Bandits, Acerocielo, Eloisa Atti Jazz Quintet e con il duo più che decennale con il chitarrista Marco Bovi, col quale ha inciso tre dischi. Ha partecipato in studio a progetti originali assieme, tra gli altri, a Patrizia Laquidara, Mirco Mariani, Sacri Cuori, Giacomo Toni, Enrico Farnedi. Dopo la realizzazione di due album con il progetto etno-jazz Sur, incide "Penelope" (aprile 2014) da lei interamente ideato e composto, con la produzione artistica di Francesco Giampaoli (Sacri Cuori). È di lunga data la collaborazione con Matteo Raggi (sax tenore) e Davide Brillante (chitarra) con i quali ha presentato nel tempo diversi progetti tutti dedicati alla figura di Billie Holiday, come "Fine and Mellow Tunes", "A Journey" e l'attuale "Billie Holiday: Everything Happens for the Best". Atti ha inoltre preso parte a numerosi spettacoli teatrali e televisivi come il Nuzzo Di Biase Show e "Tutti Maracani" di Jimmy Villotti e si è occupata della direzione artistica musicale in diversi locali bolognesi.

 

 

DAVIDE BRILLANTE

DAVIDE BRILLANTE
chiudi Davide Brillante

Chitarrista Bolognese attivo sul panorama dei jazz-club nazionali con il quartetto di Matteo Raggi e Eloisa Atti. Collabora nel 2000 con il cantante newyorkese Dennis Jeter al Festival di Marciac, Festival Jazz in Bastia, a New York al Sugar Hill Bistro, a Washington DC al Blues Alley Jazz Club, Appennino Jazz Festival, Zola Jazz&Wine e diversi jazz club suonando con Keith Copeland, Andy Farber, Wessel Anderson, Don Braden, Spike Wilner, Kengo Nakamura, Robert Rucher e Ali Jackson. Nello stesso periodo frequenta i chitarristi Joe Cohn e Peter Bernstein. A New York nel 2003 registra in studio con Dennis Jeter, Kengo Nakamura, Saul Rubin, Houston Pearson e Gordon Lane . Dalla collaborazione continuativa con Matteo Raggi e Kengo Nakamura nasce nel 2005 il disco "Attitude!" e successivamente nel 2009 il disco "Encounter". Ha suonato e collaborato anche con: Marco Tamburini, Tom Kirkpatrick, Damon Brown, Steve Gut, Diego Frabetti, Nico Menci, Antonio Cavicchi, Giancarlo Bianchetti, Silvia Donati, Melissa Stott, Renato D'Aiello, Andrea Olivi, Michele Vignali, Marco Ferri, Stefano Senni, Ares Tavolazzi, Nicola Muresu, Alessandro Maiorino, Guido Zorn, Pietro Ciancaglini, Marc Abrams, Danilo Gallo, Giuseppe Calì, Mirko Scarcia, Fabio Grandi, Max Dall'Omo, Gianni Cazzola, Tommaso Capellato, Alessandro Minetto, Dave Ohm e Steven Keogh.

 

 

ALESSANRA CECALA

ALESSANRA CECALA
chiudi Alessandra Cecala

Diplomata nel 2005 in Contrabbasso Jazz presso i "Civici corsi di Musica Jazz" a Milano, in seguito ha iniziato gli studi classici diplomandosi al conservatorio "Luca Marenzio" di Brescia. Nel 2004 si è laureata con una tesi in Etnomusicologia presso la Facoltà di Filosofia all'Università di Pavia. Suona stabilmente in duo con il chitarrista Mauro Ferrarese nel progetto "Reverend and the Lady". Ha fatto parte, come contrabbassista e cantante, del gruppo "Red Wine Serenaders" insieme a Mauro Ferrarese, Veronica Sbergia e Max De Bernardi, con questi ultimi due nel marzo 2013 ho vinto a Tolosa lo "European Blues Challenge". Ha suonato nel trio jazz del pianista Dario Yassa, con la Big Band "Monday Orchestra". Ha collaborato con Tiziana Ghiglioni, Max Prandi, Simona Premazzi, Alessandro Ducoli. Si è esibita in Italia e all'estero in importanti locali e partecipando a molti tra i più importanti festival di blues e folk music tra cui: Lucerne Blues Festival, Notodden Blues Festival Norway, Lugano Blues To Bop, Cognac Blues Passion Cognac, Blues Sur Seine Mantes-la-Jolie, Summer Jamboree, Théâtre Le Vauban - Brest, Festival Autan de Blues, Théâtre L'estran - Guidel, Festival Quai Des Blues Regneville Sur Mer, 1st Underground Blues Festival Blues Rules - Crissier, Salone internazionale del libro di Torino 2010 - Ospiti di Radio3 Rai in diretta live, Vintage Roots Festival Inzago, Blues In Idro, 9ème édition de Convivència Arles, Black & Blue Festival, Les jeudi de l'été Romans, Valbadiajazz Corvara in Badia, Aglientu Summer Festival, Narcao Blues festival, Trasimeno Blues, Bianco, Rosso & Blues Lago Trasimeno, Madame Guitar, Festival Vallemaggia Blues, Théâtre Le Pediluve Châtenay-Malabry, Maison Culture et Loisirs Gauchy, Malpensa Gospel Night ed, Théâtre Municipal Abbeville, Salaise Blues Festival, Ameno Blues Festival, Crema Blues Festival, Stresa Jazz Festival, Gastroblues Festival Paks, Novara Blues Festival, Alto Adige Jazz Festival, Vinilmania Fiera Internazionale del disco, Festival Chitarristico Internazionale "Arte a 6 corde" Vignola, Festival Vache De Blues ed.Audun-le-Tiche, 10eme Festival des Voisins Riz-Orangis, Narcao Blues Festival, Tenero Music Nights, Gazʼs Rocking Blues The St.Moritz Club - London, Ye Old Smack Leigh On Sea- Essex, Bloom Mezzago, Vale Blues Jazz and Roots Society West End Club - Barry, The Promised Land Cardiff, The Dustyʼs Blues Club HighWhycombe.

 

 

MAURO FERRARESE

MAURO FERRARESE
chiudi Mauro Ferrarese

La sua passione per la musica lo ha portato ad approfondire la conoscenza e le origini di blues, folk, old time music, la cosiddetta musica acustica d'oltreoceano. Ha setacciato - e continua a farlo - buona parte del repertorio country blues registrato negli anni '20 e'30, worksongs, spirituals, ballads e come molti dei maggiori esponenti di quei generi, ha cominciato a suonare sulla strada. Ha aperto i concerti di John Hammond (2013) Robert Cray a Milano (2003), Willie DeVille a Chiari (2005) e Anders Osborne & Monk Boudreaux, Peter Case, Ponty Bone, Dirk Hamilton. Sempre nel 2005, durante l'Italian Gospel Festival, presentando un progetto su Sister Rosetta Tharpe, ha condiviso palco e microfono con Mavis Staples. Ha collaborato con Max De Bernardi in duo e successivamente in quartetto con Veronica Sbergia e Alessandra Cecala nei "Red Wine Serenaders", ha suonato con i Jacknives e continua a collaborare con Marco Pandolfi e Beppe Semeraro. Di seguito alcuni degli eventi nei quali ha suonato: Lugano Blues to Bop, Piazza Blues Bellinzona, Baden Blues Festival, Green Hill Blues Festival, Rootsway Festival,Trasimeno Blues Festival, Blues Au Chateau, Capo d'Orlando Blues Festival, Sarzana Acoustic Meeting, Black & Blue Festival Varese, Narcao Blues, Underground Blues Festival Blues Rules - Crissier ,Salone internazionale del libro di Torino 2010 Radio3 Rai in diretta live, Vintage Roots Festival Inzago, Blues In Idro, Valbadiajazz Corvara in Badia, Bianco Rosso & Blues Lago Trasimeno, Madame Guitar Vallemaggia Blues, Théâtre Le Pediluve Châtenay-Malabry, Stresa Jazz Festival, Gastroblues Festival Paks, Alto Adige Jazz Festival, Tenero Music Nights , Gazʼs Rocking Blues The St.Moritz Club - London, Ye Old Smack Leigh On Sea- Essex.

 

 

MARZIO MONTALI

MARZIO MONTALI
chiudi Marzio Montali

Nato a Langhirano nel 1970 si diploma in Tromba presso il Conservatorio "A. Boito" di Parma sotto la guida del M° Sergio Zannani. Inizia la sua carriera di trombettista con l'opera "Elisir d'amore" di G. Donizetti nella Stagione Lirica '91/'92 presso il Teatro Regio di Parma. Nel 2001 con "Aida" di G. Verdi per la regia di Franco Zeffirelli (più di 120 recite in Italia ed all'estero) è 1° Tromba egizia nell'Orchestra Sinfonica dell'Emilia Romagna "A.Toscanini" con la quale continuerà a collaborare. Attività che lo vedrà impegnato dal 2002 al 2005 nell'orchestra del Teatro Regio in numerosi concerti ed opere oltre alla sua partecipazione nel 2003 nell'Orchestra Philarmonica di Parma. Dal 1995 al 1999 suona in diverse opere – alcune dirette dal M° Riccardo Muti – presso il Teatro La Scala di Milano svolgendo nel 2005 un'intensa attività concertistica con l'Orchestra Filarmonica Italiana di Piacenza tra cui una Tournée estera con il cantante Andrea Bocelli. Con la Stagione Lirica 1998/1999 inizia la sua collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna in qualità di 1° Tromba nell'opera "Bohéme" di G. Puccini, assumendo nel 2004 l'incarico di 1° Tromba nell'opera "La figlia del reggimento" di G. Donizetti e nel balletto diretto dal M° Mstislav Leopoldovich Rostropovich "Romeo e Giulietta" di S. Prokofiev. Nel 2008 vince il Concorso di 2° Tromba con obbligo della fila e di 1° Tromba in palcoscenico diventando Professore stabile dell'Orchestra della Fondazione Teatro Comunale di Bologna. Dal 1996 fa parte del Quintetto di Ottoni "Parma Brass Quintet" con il quale svolge concerti in tutta Italia riscuotendo apprezzamenti di critica e pubblico; gruppo musicale diventato nel 2014 "Testimonial collaboratore" Yamaha. In qualità di docente ha insegnato nella Scuola di musica per Ottoni di S. Secondo Parmense e dal 2011 è insegnante presso l'Associazione musicale "Carl Orff" di Parma.

 

 

PAOLO MURENA

PAOLO MURENA
chiudi Paolo Murena

Diplomatosi in percussione nel '96 presso il Conservatorio di Parma, inizia a collaborare come percussionista e timpanista con importanti Orchestre Sinfoniche italiane tra le quali: Orchestra Sinfonica della Rai , Sinfonica di Milano, Orchestra Sinfonica di S. Remo, Orchestra della Scala, Orchestra Filarmonica Italiana e Orchestra Cherubini diretta dal Maestro Riccardo Muti. Collabora tuttora con: Orchestra Sinfonica dell'Emilia Romagna Arturo Toscanini, – Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini – Teatro Regio di Parma– Orchestra della Radio Televisione Svizzera Italiana e vari gruppi di musica da camera. Con queste orchestre ha avuto il piacere di lavorare con grandi direttori quali D. Oren, G. Prètre, De Burgos, Karabtchevsky, Santi, A. Lombard, M. Pletnev, V. Jurowski, K. Ono, J. Webb e molti altri. In questi anni ha avuto occasione di accompagnare, nell'ambito della musica leggera, artisti conosciuti tra i quali il tenore Andrea Bocelli, – Zucchero, – Amedeo Minghi, – Spagna – Marcella Bella e Susan Vega. Svolge, oltre, dal Marzo '99 attività didattica nel Laboratorio Musicale presso l' Istituto Zappa Fermi di Borgotaro come insegnante di Percussioni e Musica d'insieme.

 

 

ALBERTO ORLANDI

ALBERTO ORLANDI
chiudi Alberto Orlandi

Nato a Parma nel 1973, compie gli studi di Composizione presso il locale Conservatorio con il M° Emilio Ghezzi, diplomandosi in Direzione d'orchestra sotto la guida del M° Pietro Veneri. Sempre nello stesso istituto, ottiene il Diploma in Corno e la Maturità Artistica ad indirizzo Musicale. In qualità di direttore d'orchestra, ha diretto più volte l'Ensemble musicale del Conservatorio "A. Boito", eseguendo musiche di Schumann, Verdi, Gounod, Poulenc, Ravel, Ibert e Britten. Nel 1999 ha diretto al Teatro Regio di Parma lo spettacolo di Andrea Talmelli "Pinocchio, un Musical". Ha diretto l'orchestra e il coro dell'I.C. "G. Ferrari" di Parma, curando personalmente gli arrangiamenti degli spettacoli "Cats", "La giara", "Il pupazzo di neve", "La cantata del caffè", "Immagini sonore", "Vitae Carmina", più volte replicati. Dal Luglio 2004 è apprezzato direttore musicale del Corpo bandistico "G. Verdi" di Parma. In qualità di cornista, si è perfezionato sotto la guida del M° Angelo Borroni e del M° David Short. Classificato 1° nel Concorso Naz. CITTA' DI GENOVA - 1993, è stato premiato inoltre nei Concorsi Internazionali di Riva del Garda (1994 e 1996). Ha collaborato con il Teatro Regio di Parma e l'"Oser sinfonica dell'Emilia Romagna" per la realizzazione di molte produzioni liriche e sinfoniche. Sin dal 1994 svolge un'intensa attività cameristica con vari gruppi d'assieme fiati, quali quintetto "E. Bozza", "Lively brass Ensemble", "Ensemble Gaudeamus". Dal 1997 fa parte del quintetto d'ottoni Golliwogg Brass con il quale collabora attivamente con diverse ed importanti enti musicali a livello nazionale, spaziando dal repertorio classico – operistico a quello dixieland ・ jazz. Ha personalmente curato gli arrangiamenti musicali degli spettacoli "Opera, che passione!", "Un brindisi con Verdi", "Gloria!", "New York, New York" É docente di Corno presso i Corsi ad Indirizzo musicale dell'I. C. "G. Ferrari" di Parma e dal 2005, a seguito di pubblica selezione, collabora con il Cons. "G. Nicolini" di Piacenza.

 

 

GIANLUIGI "GIALLA" PAGANELLI

GIANLUIGI "GIALLA" PAGANELLI
chiudi Gianluigi "Gialla" Paganelli

Nel 1991 si diploma al Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna in trombone, specializzandosi da subito in basso tuba. Appena diplomato inizia la sua attività collaborando con alcune orchestre lirico-sinfoniche, tra le quali: Orchestra Sinfonica di Pisa, Orchestra Sinfonica di Pesaro, Orchestra B. Maderna, Orchestra Filarmonica Italiana, Orchestra del Teatro Comunale di Bologna. Nella stagione 1997/98 fa parte del gruppo "Solistinsieme" diretto dal Maestro Giuseppe Sinopoli. Sceglie ben presto di svolgere la professione in ambiti non solo classici. Da qui le collaborazioni in campo jazzistico con gruppi tra i quali: Jazz Chromatic Ensemble e Nexus con cui ha inciso nel 2001 l'album "Seize the Time!" vincitore della classifica di "Musica Jazz" quale migliore incisione di gruppi italiani di quell'anno. Nella musica leggera ha partecipato nel 1998 al tour "Da Me a Te" di Claudio Baglioni; mentre nel 2002 incide con i "Quintorigo" alcuni brani dell'album "In Cattività". Nel 2007 incide "Athlantis" di Eyvind Kang. Nel 2013 ha collaborato con il gruppo di musica contemporanea "Icarus" x l'incisione de "L'Imbalsamatore" di Battistelli. Ma è soprattutto alla musica da camera che rivolge i suoi interessi collaborando, nel corso degli anni, con musicisti e vari gruppi di ottoni tra cui: "Quinte Eccedenti" diretto da Renzo Brocculi, "Petronius Brass Ensemble", Made In Brass", "Quintetto di ottoni della Toscana", "Fantasy Brass", con cui vince nel 1995 il Concorso Nazionale di Musica da Camera "D. Igino Baldini" di Comano e, nel 1997, il terzo premio (1° e 2° non assegnati) al VII Concorso Internazionale "Trofeo Kawai" di Tortona. Attualmente è membro del gruppi di ottoni "Parma Brass Quintet"; il Concerto a fiato "L'Usignolo"; "BimBumBrass"; il gruppo di musica klezmer "Dire gelt". Insegna da oltre vent'anni nella Scuola di Musica "P. Bignardi" di Monzuno. Dal 2002 collabora come insegnante di tuba con il Centro di Terapia Integrata per l'Infanzia "La Lucciola".

 

 

DANIELE PASCIUTA

DANIELE PASCIUTA
chiudi Daniele Pasciuta

Consegue giovanissimo il diploma di tromba presso il Conservatorio "A. Vivaldi" sotto la guida del Maestro Luigi Sechi. Inizia subito la carriera orchestrale classificandosi al primo posto all'audizione dell' Orchestra Filarmonica Italiana di Piacenza dove ricopre il ruolo di prima tromba dal 1990. Collabora con diverse orchestre ed enti lirici tra cui l'Orchestra del Teatro dell'Opera Carlo Felice di Genova, I Filarmonici di Torino, Orchestra Carlo Coccia di Novara, Orchestra Sinfonica dell'Emilia Romagna Arturo Toscanini, l'Orchestra da Camera Milano Classica, I Pomeriggi Musicali di Milano, Accademia delle Opere di Milano e l'Orchestra Classica di Alessandria. Si occupa inoltre da alcuni anni della direzione artistica di diversi complessi bandistici curandone il repertorio con arrangiamenti personali. Insegna in diverse scuole di musica della provincia di Asti e di Alessandria tra cui il Circolo filarmonico Astigiano, promuovendo la divulgazione della musica e degli strumenti a fiato, in particolare gli ottoni, con l'organizzazione di Master Class e corsi di aggiornamento. Ha al suo attivo numerosi concerti da solista in orchestra nel repertorio sia classico che barocco, ma si dedica anche al repertorio leggero e jazzistico suonando in vari gruppi di ottoni tra cui il Parma Brass Quintet.

 

 

EMILIANO PINTORI

EMILIANO PINTORI
chiudi Emiliano Pintori

Pianista e organista Hammond, nato a Bologna nel 1979, cresciuto musicalmente nella sua città, ha approfondito il linguaggio jazzistico partecipando a numerosi workshop, tra cui quelli con George Cabels e Harold Mabern, le "Piano Master Class" di Barry Harris e attraverso ripetuti soggiorni a New York. Molto richiesto come sideman, svolge da più di quindici anni un'intensa attività concertistica, avendo modo di collaborare con, tra gli altri, Steve Grossman, Carlo Atti, Tom Kirkpatrick, Fabio Morgera, Piero Odorici, Fabrizio Bosso, John Webber, Gianni Cazzola, Francesco Bearzatti, Zeno De Rossi, Joe Magnarelli, Dida Pelled, Flavio Boltro, Owen Hart Jr., Barend Middelhoff. In ambito compositivo è stato autore di gran parte delle musiche dei lavori dell'artista Paolo Chiasera, esposti in alcuni dei principali siti per l'arte contemporanea (Rejna Sofia Museum, Madrid; Marta Museum, Herford; Smit Stewart Gallery, NYC; Smak Museum, Gent; Moka Museum, Shangai; Columbia's University, New York; W139, Amsterdam).

 

 

MATTEO RAGGI

MATTEO RAGGI
chiudi Matteo Raggi

Studia con Mr. Larry Smith contraltista di Detroit. Segue in Italia ed a New York i seminari del pianista Mr. Barry Harris e Mr Charles Davis. Studia con il tenorista Harry Allen. Insegna press il Conservatorio Statale di Adria "Buzzolla" (musica di insieme per formazioni jazz). Svolge regolarmente workshop sul linguaggio Jazz in Germania a Dusseldorf. Ha suonato e suona regolarmente in vari Festival in Italia, UK, Germania, Olanda. Vanta collaborazioni prestigiose affianco di grandi maestri del Jazz come: Scott Hamilton, Joe Cohn, Steve Brown, Dave Green,Paolo Alderighi, Danny Grisset, Kengo Nakamura, Quincy Davies, Luciano Milanese, Aldo Zunino, Ares Tavolazzi, Dusko Goikovich, Steve "Stiepko" Gut, Tom Kirkpatrick, Adriano Urso, Gianni Cazzola, Wessel Anderson, Bobby Watson ed altri.

 

 

STEFANO SENNI

STEFANO SENNI
chiudi Stefano Senni

Ha cominciato a suonare il contrabbasso a 20 anni. Ha un diploma conseguito presso i "Civici Corsi di jazz di Milano" anche se si considera più che altro un autodidatta. Nel corso della sua carriera ha suonato in numerosi ed importanti Festival e Rassegne internazionali, tra cui Iseo Jazz, Festival Jazz di Milano, Torino JVC Festival, Vicenza, Campania Jazz, Philip Morris Festival di Bologna, Padova Porsche Jazz Festival, Paris JVC Jazz Festival, European JazzExpo Cagliari, Dubai International Jazz Festival, Jazz Plaza L'Havana, Dublin, InnTone Diersbach, Mai Jazz Stavanger, Umbria Jazz, North Sea Jazz Festival, Brianza Open Jazz, Madeira, Madrid, Umbria Jazz Winter, Jakarta Java Jazz Festival, Clusone, Skopje jazz festival, London.  Ha suonato con questi e altri grandi musicisti: Tony Scott, Art Farmer, Enrico Rava, Stefano Bollani, Benny Golson, Cedar Walton, Lee Konitz, Barry Harris, Steve Grossman, Randy Brecker, Jimmy Owens, Bobby Watson, Bob Mover, George Cables, Eliot Zigmund, Renè Utreger, Oscar Klein, Joy Garrison, Mark Murphy, Michelle Hendricks, Dusko Gojkovic, Franco Ambrosetti, Rachel Gould. È membro stabile, tra le innumerevoli collaborazioni, del collettivo "El Gallorojo", del Parco Della Musica Jazz Lab diretto da Enrico Rava, del quintetto "I Visionari" di Stefano Bollani. È presente in oltre 70 incisioni discografiche. Nel 2011 ha vinto il referendum nazionale indetto dalla rivista "Insound" nella categoria Contrabbasso. Insegna contrabbasso jazz al Conservatorio "F.Venezze" di Rovigo dal 2005, presso il Conservatorio "G.Frescobaldi" di Ferrara dal 2012 e presso il conservatorio "C.Pollini" di Padova dal 2014. Inoltre ha tenuto lezioni e masterclasses in varie parti del mondo, per esempio: Coimbra (Portogallo) - Sitio de Sons; Nis (Serbia) - Nisville; Hamburg (Germania) - Birdland; Saskatoon (Canada) - TD High School Jazz Intensive. Ha partecipato come insegnante di contrabbasso jazz e combo alle edizioni 2012, 2013 e 2014 del Summer Jazz Workshop a Chioggia (Italia), patrocinato da VenetoJazz e come parte integrante della faculty di insegnanti della New School of Music di New York.

 

 

ROBERTO UGHETTI

ROBERTO UGHETTI
chiudi Roberto Ughetti

Diplomato in trombone sotto la guida del M° Maurizio Mineo. Nel 1993 ha partecipato ai corsi di perfezionamento per ottoni di Lanciano, tenuti dal M° David Short, successivamente ha frequentato un corso di improvvisazione Jazzistica sotto la guida del M° Luca Savazzi. Ha svolto diverse attività orchestrali lirico sinfoniche, in particolare collaborando con: Ensemble "E. Varese" di Parma, orchestra Filarmonica di Parma, orchestra sinfonica della RAI di Milano, Teatro Regio di Parma, orchestra sinfonica dell'Emilia Romagna "A. Toscanini, la Big Band Jazz Art Orchestra (con la quale ha inciso un CD dal titolo "Otto e Mezzo"). È presidente dell'associazione culturale "Arti nella Nebbia", con la quale svolge attività di insegnamento e di direzione dei corsi musicali, direttore artistico in diverse rassegne musicali e di spettacoli, e collabora con la Coop. Culturale Lune Nuove di Parma della quale è anche consigliere.