FURTHER DEFINITION COMBO

Further Definition Combo
Sabato 15 giugno, ore 19.00, Vigneto delle Terre Rosse
chiudi Further Definition Combo

CRISTIANO ARCELLI (Sax alto)
RICCARDO BALDI (Sax alto)
MARCO FERRI (Sax tenore)
GIOVANNI CONTRI (Sax tenore)
MICHELE VIGNALI (Sax baritono)
NICO MENCI / (Pianoforte)
FRANCESCO ANGIULI (Contrabbasso)
ENRICO SMIDERLE (Batteria)

 

 

PERTINI ZOLA JAZZ CLUB

Pertini Zola Jazz Club
Venerdì 21 giugno, ore 21.00, Centro Socioculturale "S. Pertini"
chiudi Pertini Zola Jazz Club

GIANNI DAGA (Chitarra)
SERGIO PICCININI (Batteria)
MAX MERIGHI (Contrabbasso)
DANIELE FABBRI (Sax)
ENRICO ZANAROLI (Trombone)

 

 

NICO GORI TRIO

Nico Gori Trio
Sabato 22 giugno, ore 19, Azienda Vitivinicola Maria Bortolotti
chiudi Nico Gori Trio

NICO GORI
Nasce a Firenze il 13 Settembre 1975. Inizia lo studio del clarinetto all'età di sei anni, conseguendo il diploma presso il Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze nel 1993.
Dal 1985 studia saxofoni e pianoforte conseguendo il compimento medio inferiore nel 1994. Nel 2003 consegue a pieni voti il Diploma in Musica Jazz sotto la guida del Prof. Mauro Grossi presso il Conservatorio Pietro Mascagni di Livorno.
Nella sua carriera Nico Gori tiene numerosi concerti sia come solista sia in big bands, orchestre sinfoniche e formazioni jazz in qualità di leader o side-man spaziando dalla musica classica al jazz, dal funky all'acid jazz, esibendosi in teatri, clubs, festivals , trasmissioni radio e televisive in tutto il mondo.
Ha collaborato e collabora con musicisti di grande fama quali tra cui Fred Hersch, Tom Harrell, Lee Konitz, Chicago Underground, Enrico Rava, Stefano Bollani, Renato Sellani, Antonello Salis, Bruno Tommaso, Paolino Dalla Porta, Gianluca Petrella, Roberto Gatto, Ellade Bandini, Ares Tavolazzi, Sandro Gibellini, Massimo Moriconi e con cantanti pop quali Anna Oxa, I Dirotta su Cuba, Fabio Concato e Gino Paoli.

SERGIO ALOISIO RIZZO
Chitarrista di origine siciliana, residente in Toscana; dopo gli studi classici in giovanissima età, si dedica interamente all'approfondimento del linguaggio jazz e dell'improvvisazione; il suo percorso tra il conservatorio di Palermo, la Siena Jazz University ed il Koninklijk Conservatorium di Den Haag (Olanda) lo porta a perfezionarsi sotto la guida di insegnanti del calibro di Stefano Battaglia, Giovanni Falzone, Orazio Maugeri, Roberto Cecchetto, Salvatore Bonafede, Martijn Van Iterson, Reinier Baa e Eric Ineke.
Parallelamente sviluppa il suo interesse per il mondo del gypsy jazz, instaurando un lungo sodalizio con Jacopo Martini, fra i massimi esponenti del genere in Italia, e collaborando con nomi di spicco della scena nazionale ed internazionale (Adrian Holovaty, Wawau Adler, Dario Napoli, Antoine Boyer, Pacora trio).
In campo jazzistico ha l'opportunità di esibirsi in rinomati jazz club e festival (Torrione Jazz Club – Ferrara, Bimhuis – Amsterdam, Blue Note – Bratislava, Take Five – Bologna...) e di suonare con alcuni tra i più affermati musicisti, tra i quali Ares Tavolazzi, Nico Gori, Stefano "Cocco" Cantini, Dave Liebman, Francesco Ciniglio, Walter Paoli, Maurizio Giammarco, Enrico Morello Gabriele Evangelista, Bernardo Guerra.

MICHELANGELO SCANDROGLIO
Michelangelo Scandroglio studia Jazz con il grande contrabbassista italiano Ares Tavolazzi e contrabbasso classico con M.Gabriele Ragghianti all'ISSM Boccherini di Lucca.
Ha perfezionato i suoi studi di jazz con Joe Sanders, Harish Raghavan, Ben Street a Siena Jazz durante il Summer Workshop e studi classici con masterclass di Alberto Bocini Jeff Bradetich , Sorin Orcinschi , Franco Petracchi.
A vent'anni è stato uno dei vincitori del "RIGA INTERNATIONAL JAZZ BASS COMPETITION" e nel 2018 ha ricevuto il prestigioso premio "TOMORROW's JAZZ" come uno dei migliori giovani talenti del jazz italiano. Ha avuto l'opportunità di suonare e collaborare con giganti del jazz italiano tra cui : Stefano "Cocco" Cantini, Nico Gori, Carlo Atti, Flavio Boltro, Fabrizio Bosso, Stefano Tamborrino, Alessandro Lanzoni, Walter Paoli e alcuni dei musicisti più riconosciuti a livello internazionale tra cui Logan Richardson, Glenn Ferris, Ben van Gelder, Marvin "Bugalu" Smith, Alex Sipiagin, Gregory Hutchinson.

 

 

SILVIA DONATI TRIO

Silvia Donati Trio
Sabato 30 giugno, ore 19, Azienda Vitivinicola Maria Bortolotti
chiudi Silvia Donati Trio

SILVIA DONATI
Nata a Bologna, ha studiato con la cantante gospel Laverne Jackson, approdando al jazz attraverso la partecipazione ad alcuni workshop di: Barry Harris, Art Taylor, Rachel Gould, Horace Parlan, Michele Hendricks. Appassionata da anni di musica brasiliana, è presente come cantante ed autrice di testi nel cd "Vira Vida" di Nicola Stilo con special guest Toninho Horta e, tra gli altri, Stefano Bollani, Barbara Casini, Roberto Gatto.
Con il gruppo Siluet vince l'ottava edizione del premio Città di Recanati per le nuove tendenze della canzone d'autore. Il gruppo, interamente femminile, ha al suo attivo apparizioni televisive ( Roxy Bar, 30 ore per la vita, sceneggiato "Per amore", "Mantova musica Festival") e radiofoniche ( "Guglielmo 95" con la Banda Osiris e"Quelli che la radio.." di Giorgio Comaschi su RadioRai). Ha inoltre avuto occasione di partecipare al "Festival International du Musique Universitaire" a Belfort (Francia) e tenere concerti a Durazzo e Tirana (Albania) oltre che nei locali e teatri di tutta Italia.
Con il gruppo Arcoiris ha avuto occasione di cantare al Festival do Avante di Lisbona ,al Festival Jazz di Marostica e nell'ambito di Veneto Jazz presentando il cd "Subterranea" (IRMA Records 2004). Collabora stabilmente con StandHard 3io, con i quali ha inciso i cd "Singin' in the brain" (Abeat 2005) e"Cocktail Saturno" (Gallo Rojo 2008) di matrice più vicina al jazz contemporaneo.
A sancire un'amicizia di lunga data, nel 2012 è uscito un cd di brani originali scritti assieme a Sandro Gibellini,"Continuando", con il quale è stata ospite del programma "Brasil" su Radio Rai1.
"Fiancheggiatrice" del collettivo El Gallo Rojo, con il gruppo Ja Vigiu Plamja ha inciso "To infinity and beyond", è presente nel disco di Zeno De Rossi "The Manne i love" e con il gruppo The Humans ha inciso "It's nine o' clock". Tra gli altri ha collaborato con Jimmy Villotti, Ares Tavolazzi, Andrea Pozza, Renato Chicco, Roberto Monti, Piero Odorici, Carlo Atti, Roberto Taufic, Gabriele Mirabassi, Achille Succi. Ha tenuto seminari a Bologna, Mogliano Veneto, Feltre, Orsara ed una masterclass al Conservatorio di Vicenza.

CAMILLA MISSIO
Friulana d'origine, laureata in Filosofia all'Università di Bologna (1992), diplomata in contrabbasso jazz (biennio II livello) presso il conservatorio di Adria (RO, 2009), ha conseguito anche il diploma di giornalismo musicale presso l'Accademia della Critica di Roma (2000).
Svolge da anni attività di musicista al fianco di artisti come Andrea Mingardi (1998-2015), Massimo Ranieri (2009-2015), Paola Turci (2006), Ricky Portera (2008-2010), Neri Marcorè, il quintetto vocale Oblivion, Stefano Benni, Giorgio Comaschi, Bob Messini, Grazia Verasani, Gemelli Ruggeri, Gabriella Ghermandi (Atse Tewodros Project), Franz Campi, Siluet, Mirco Menna.
In qualità di orchestrale ha lavorato in molte trasmissioni televisive per RAI e Mediaset (tra le altre: "Buona Domenica" 2005-6, "Un Disco per l'Estate" 2000, "Telethon" 2001 e 2002, "Ci Siamo" 1992-3, "Beato tra le Donne" 1999, "Canzoni Sotto l'Albero" 1999, "Zecchino D'Oro" 1997, 2015, 2016).
Attualmente è impegnata, con la cantante Luisa Cottifogli e l'attrice Francesca Ballico, nella turnèe teatrale dello spettacolo "Pupattole" dedicato alla figura di Laura Betti. Sempre in teatro, da oltre 15 anni, lavora nelle produzioni della Bernstein School of Musical Theatre (BSMT) della canadese Shawna Farrell: da "Children of Eden" (1999) fino al più recente "Evita" (2015, con l'orchestra del Teatro Comunale di Bologna).

FRANCESCA FATTORI
Nata a Lucca nel 1991 si avvicina alla musica a 10 anni con lo studio del violino, per poi seguire la passione per la musica moderna iniziando a suonare il basso elettrico. E' nel 2010 che sceglie di dedicarsi alla chitarra jazz e inizia a studiare privatamente con musicisti locali. Nel 2011 fonda il trio acustico Family Affair con il quale inizia ad esibirsi in vari eventi musicali e feste private.
E' attualmente laureanda in chitarra jazz presso il Siena Jazz University dove ha studiato con Roberto Cecchetto e Roberto Nannetti. Sempre a Siena ha fatto parte della SJU Orchestra diretta da Roberto Spadoni.
Ha frequentato masterclass performative con Aaron Goldberg, Gilad Hekselman, Paolo Fresu, Daniele di Bonaventura, John Taylor, Tim Berne, Rotem Sivan, Kevin Hays, Shai Maestro, Stefano Battaglia, Micheal Blake, Steve Lehman, Nicolao Valiensi, Bruno Tommaso.
Tra le varie esperienze nei festival jazz: Improstreet (La Spezia 2013) Lucca Film Festival collaborazione con Lucca Jazz Donna (2014), Anfiteatro Jazz (Lucca 2015), Lucca Jazz Donna 2015, Siena Jazz Festival (2015) con la Sju Orchestra, Monteriggioni Jazz festival (2015), Volterra Jazz Festival (2015), Barga InJazz 2015, International Jazz Day (Lucca 2016), Montecarlo Jazz & Wine 2016.

 

 

BARTOLI-SANTIMONE-BEDETTI TRIO

Bartoli-Santimone-Bedetti trio
Venerdì 5 luglio, ore 21, Azienda Gaggioli Vini
chiudi Bartoli-Santimone-Bedetti trio

ROBERTO BARTOLI
Ha partecipato a festival internazionali in Italia, Francia, Svizzera, Austria, Germania, Belgio, Spagna, Portogallo, Slovenia, Croazia, Russia, Bulgaria, Libano, Tunisia, Etiopia.
Ha collaborato a numerose registrazioni per diverse etichette discografiche, tra cui YVP Music, Splash' Records, Philology, Stella Nera, El Gallo Rojo, DodiciLune, Limen Music,etc.
Molte sue composizioni sono state trasmesse nelle programmazioni di RAI-Radio3, come pure una sua partecipazione ai Concerti del Quirinale a Roma. Nel marzo 2013 si è esibito al Teatro alla Scala di Milano, presentando tra l'altro alcune sue composizioni dedicate a Bela Bartòk.
E' docente di contrabbasso e didattica d'insieme presso la Nuova Scuola Comunale di Musica di Imola, dove dirige anche l'orchestra degli allievi.

DANIELE SANTIMONE
Studia in Italia con Riccardo "Stuli" Manzoli ed Antonio Cavicchi.
Nei primi anni novanta ha inizio l'attività concertistica che lo porta ad esibirsi con artisti del calibro di Ares Tavolazzi, Marco Tamburini coi quali tuttora collabora. Nel 1995 entra a far parte del gruppo Back to the Future diretto da Giulio Capiozzo. Dal 1997 al 1999 risiede a Boston per seguire i prestigiosi corsi del Berklee College of Music dove studia con, tra gli altri, Mick Goodrick, Jim Kelly, Jon Damian e George Garzone e si specializza in arrangiamento, composizione e performance laureandosi in Professional Music. Partecipa inoltre a seminari tenuti da John Basile, Bruce Forman, Wayne Krantz, Peter Bernstein, Esterhàzy String Quartet, Christian McBride, Mulgrew Miller, Pat Metheny e Paolo Fresu.
Insegna chitarra, musica d'insieme e teoria presso diverse associazioni e istituti tra cui la Scuola Comunale di Musica "G. Sarti" di Faenza. Nel 2007 viene chiamato a far parte del corpo docenti presso il Conservatorio "G. Frescobaldi" di Ferrara in qualità di assistente per i corsi Jazz triennali di I Livello. Opera inoltre come traduttore e collaboratore per i seminari di artisti quali John Abercrombie, Scott Henderson, Ralph Alessi, Roberto Gatto, Matt Garrison e Stefano Battaglia. Dal 2011 è docente dei corsi triennali di I livello di chitarra jazz presso il Conservatorio "C. Pollini" di Padova.
Lungo il percorso ha incontrato e suonato con musicisti e gruppi della più diversa estrazione: Roberto Gatto, Matthew Garrison, Jesse Davis, Dario Deidda, Massimo Manzi, Stefano Bollani, Fabrizio Bosso, Stefano Di Battista, Rosario Bonaccorso, Daniele Scannapieco, Luca Mannutza, Giovanni Amato, Lorenzo Tucci, Michael Baker, Ivano Borgazzi, Claudio Fasoli, Robert Bonisolo, Carlo Atti, Roberto Rossi, Tom Kirkpatrick Alfonso Santimone, Francesco Bigoni, Danilo Gallo, Zeno De Rossi, Stefano Senni, Stefano Bedetti, Walter Paoli, Piero Odorici, Karl Potter, Patrizio Fariselli, Mario Feres, Orchestra del Conservatorio Verdi di Milano, Orchestra città di Ferrara. Ha partecipato a festival tra i quali Umbria Jazz Winter, Veneto Jazz, Crossroads, Mantova Music Festival, IJazz di Amsterdam, Festival di Lugano e calcato i palchi di numerosi teatri italiani.

STEFANO BEDETTI
"Tenete a mente questo nome, egli è uno dei sassofonisti più interessanti degli ultimi anni." (Fabrizio Bosso).
Stefano Bedetti è un musicista autodidatta che ha iniziato a suonare sax tenore all'età di 14 anni, ed ha poi scoperto il jazz ascoltando i dischi di Charlie Parker. Giulio Capiozzo (famoso batterista italiano, co-fondatore del noto gruppo Area) è stato il primo a notare il suo talento e invitare Stefano nel suo gruppo.
A partire dal 1995 Stefano ha suonato con il famoso gruppo europeo Jestofunk, ha fatto un giro con loro tutto il mondo per dieci anni e ha partecipato a numerosi festival jazz. Stefano giocato su tre notevoli dischi del gruppo.
Nel 2004 si è unito al Marco Tamburini Quintet con Billy Hart alla batteria e Cameron Brown al basso.
Stefano ha formato il suo quartetto nel 2005 e ha pubblicato il suo primo disco come leader nel 2007: il lato positivo della Luna. Stefano si è dimostrato non solo come un musicista di classe mondiale, ma anche come compositore di talento. Il record goduto di ottime recensioni da parte della critica, Jazz Awards italiani hanno votato il miglior disco di jazz dell'anno.
Nel corso della sua carriera ha suonato con innumerevoli musicisti ben noti tra cui Billy Hart, Ed Howard, Victor Lewis, George Cables, Jimmy Howens, George Garzone, Dave Stryker, Billy Drummond, Tony Scott, Barry Altschul, Gianni Basso, Roberto Gatto, Marco Tamburini, Giulio Capiozzo, Antonio Farao, Dado Moroni, Fabrizio Bosso e molti altri.
A partire dal 2009 Stefano si esibisce con il suo trio con Bill Hart / Victor Lewis e Ed Howard.

 

 

JOE PISTO-FAUSTO BECCALOSSI "INTERPLAY"

Joe Pisto-Fausto Beccalossi "Interplay"
Sabato 6 luglio, ore 19, Vigneto Lodi Corazza
chiudi Joe Pisto-Fausto Beccalossi "Interpaly"

JOE PISTO
Chitarrista, cantante e compositore, si distingue per la sua singolare e speciale abilità nell'uso della voce e della chitarra, strumenti inscindibili della sua personalità poliedrica. Ha studiato chitarra classica diplomandosi brillantemente con il massimo dei voti e perfezionandosi con maestri di fama internazionale quali Alirio Diaz, Alberto Ponce, Francis Verbà. In seguito, interessato sempre alla musica in tutte le sue sfaccettature si dedica allo studio del jazz. 

Nel 2008 ha vinto il Primo Premio al "Concorso Internazionale per Solisti Jazz" di Monaco.
Ha suonato e collaborato con artisti di fama nazionale ed internazionale: Eumir Deodato, Dario Deidda, Jeff Berlin, Paolo Fresu, Fabrizio Bosso, Dado Moroni, Ross Stanley, Marc Miralta, Ignasi Terraza, Andrea Motis, Quentin Collins, Enzo Zirilli, Omar Lye-Fook, Javier Girotto, Marco Tamburini, Hiram Bullock, Roberto Gatto, Quintorigo, Brandon Allen, Grant Windsor, Luca Mannutza, Gianluigi Trovesi, Tim Thornton, Mario Rossy, Marco Siniscalco, Andrea Bocelli, ecc.

FAUSTO BECCALOSSI
Attualmente è unanimemente considerato uno dei massimi specialisti in campo nazionale e internazionale del suo strumento.

Nel 1999 inizia a collaborare col nonetto di Gianluigi Trovesi. Nel 2002 viene chiamato da Lito Epumer, chitarrista argentino che vanta grandi collaborazioni a livello mondiale, per registrare col suo quartetto il cd Nehuen a Buenos Aires. Negli ultimi anni ha collaborato e registrato con alcuni fra i migliori musicisti dell'area jazzistica italiana ed internazionale tra cui: Wheeler, Gibellini, Mirabassi, Pietropaoli, Fresu, Negri, M.P De Vito, Al Di Meola.
Beccalossi è da oltre 10 anni uno dei pilastri del quintetto World Simphony del chitarrista californiano Al Di Meola e il suo vigore creativo emerge con forza anche nell'ultima incisione "Pursuit of Radical Rapsody", inciso a Miami con un cast comprendente Gonzalo Rubalbaca, Charlie Haden, Mino Cinelu e Peter Erskine. Il gruppo si è poi esibito lungamente nei maggiori festival della scena jazzistica e etno-jazz a livello internazionale, dal Giappone al Canada, dagli Stati Uniti al Nord Europa.